lunedì 19 maggio 2008

gomorra

sono stata al cinema ieri sera tardi...secondo spettacolo...non è da me perché di solito dopo le 22.30 io al cinema dormo dopo pochi minuti. ma ieri no. non ho dormito per nulla. ho solo sentito un bel tonfo allo stomaco alla vista del film record d'incassi nel weekend...Gomorra. sala stracolma. un po' di chiacchiericcio nel corso del primo tempo che poi si è zittito nel corso del secondo. per diventare mutismo assoluto e stordimento nella fase di sgombro della sala. non ho mai visto una cosa del genere in un cinema di roma. silenzio. stordimento. "forse" anche un po' di angoscia. la musica dei titoli di coda certo non aiuta a stemperare il malloppo di verità restituite da oltre due orette di lungometraggio. sangue. crudeltà. calcolo. business. e una forte sensazione che sottende a tutto questo. l'idea che tutti, buoni e cattivi, sono profondamente schiavi di questa cosa di cui si sente parlare da tanto tempo...la camorra. che però prende una forma più definita nell'associazione, credo necessaria, della visione del film alla lettura del libro di questo straordinario e giovane eroe del nostro tempo. Saviano.

Nessun commento: