martedì 24 giugno 2008

piccoli sfoghi

c'era un tempo in cui avevo dei capi adorabili, punti di riferimento, affidabili, da ammirare e da cui imparare ogni giorno. un tempo lontano. lontanissimo da oggi. un tempo che sembra preistoria se paragonato all'oggi. oggi ho un capo che detesto, disistimo, disprezzo, mal tollero, odio, da cui non imparo mai nulla, tranne l'arte di sopravvivere al feroce istinto di urlargli in faccia il mio disprezzo. oggi ho sentito il sangue arrivare al cervello in un lampo, la gola chiusa da un istante di rabbia e raggi di veleno che mi trafiggevano la spina dorsale. poi il nulla. lacrime represse. calma piatta. ragione. razionalità. istinto. tutto questo mi ha riportato sulla retta via. e dopo un'ora ero di nuovo pronta a sorridere indifferente al mio capo e al resto del mondo. è forza? missà missà

Nessun commento: